Stress muscolo-scheletrico

stressmuscoloscheletricoEssendo i cani delle diverse razze molto diversi tra di loro anche dal punto di vista morfologico, non
è così immediato valutare quanto un soggetto, se pur sano, sia fisiologicamente adatto allo svolgimento
di attività sportiva intensa come può essere il canicross.

I sistemi corporei più sollecitati durante lo sforzo fisico sono indubbiamente l’apparato cardiovascolare
e quello muscolo-scheletrico.
Per quanto riguarda quest’ultimo, è possibile avere un’indicazione di quanto viene sollecitato in un certo soggetto, tenendo in considerazione un parametro facilmente misurabile.

L’indice di stress muscolo-scheletrico è un parametro che ha lo scopo di sintetizzare quanto il fisico di un soggetto, a prescindere dalla razza, stia subendo sollecitazioni durante un’attività fisica come la corsa, i salti e le svolte repentine (come ad esempio capita negli sport come canicross, agility, disc dog, …).

Questo indice viene calcolato semplicemente dividendo l’altezza (al garrese) in cm e il peso in kg. Più questo rapporto è piccolo, più l’indice di stress è alto.

Per tutti quei cani in cui l’indice è inferiore a 2,3 bisognerebbe predisporre degli allenamenti particolarmente attenti ad evitare di sovraccaricare troppo la struttura ossea e i tessuti molli [Zink, 2013]stressmuscolo2

Ad esempio un Golden Retriver maschio che potrebbe avere ragionevolmente un’altezza di 60 cm e un peso di 30 kg avrebbe un indice di stress di 2, quindi un valore per il quale porre attenzione.

E’ importante notare come lo stress muscolo-scheletrico cresca con l’incremento del peso del soggetto.
Per questo è importante, soprattutto per i cani atleti, un attento controllo del peso, per evitare l’aumento della probabilità di infortuni.

Ref:
– Zink M.C. 2013. What Is a Canine Athlete? Chapter 1, Canine Sports Medicine and Rehabilitation. Edit by Zink M.C. and Van Dyke J.B., Wiley-Blackwell